Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l' INFORMATIVA ESTESA.

valversa.it

Benvenuti nella valle dal ritmo frizzante

BOSNASC0 BRONI CANNETO PAVESE CASTANA CANEVINO GOLFERENZO MONTESCANO •  MONTU' BECCARIA MONTECALVO VERSIGGIA PORTALBERA

ROVESCALA RUINO SAN DAMIANO AL COLLE STRADELLA SANTA M. DELLA VERSA •  VOLPARA ZENEVREDO

Altre località  interessanti

MONTARCO DONELASCO PIZZOFREDDO • SORIASCO SANNAZZARO


HOME COMUNI 

itenfrdeptrues

 
Foto Recenti Foto Storiche

 

Tradizioni - Curiosità - Storia


 

Il feudo di Ruino compare per la prima volta in un documento del 972 quando da Ottone II viene donato al Monastero di San Colombano di Bobbio. 

Nel XI secolo Ruino era una curtis ed apparteneva ai diacono Gerardo che alla sua morte lo destinava al Vescovo di Bobbio.
Nel XIV secolo viene infeudato alla famiglia Dal Verme, alla quale, tranne brevi interruzioni, rimane fino all'età moderna.Il fortilizio originario di Ruino ormai non esiste più. 

Sul sedime già occupato dal castello fu costruita nel 1935 una villa residenziale turrita; delle vestigia è rimasta soltanto una porzione di bastione che ora sostiene un terrapieno. Nel 1743 il territorio viene annesso allo stato sardo, dei tre castelli che sorgono tuttora nel comune, ubicati a Ruino, Torre degli Alberi e Montùberchielli, furono feudatari anche i nobili Palatini di Lomello, oltre agli stessi Dal Verme. 

La chiesa parrocchiale di Ruino, dedicata a San Pietro Apostolo, è stata edificata alla fine del 1740; sorge sopra un poggio in posizione panoramica.

L'interno è stato decorato dal pittore Fiori; si conserva poi una madonna in legno seicentesca, con grande baldacchino sorretto da colonne e angeli. Nella sacrestia vi sono mobili del XVII secolo.

L'agricoltura costituisce il cardine dell'economia locale, con una importante produzione vitivinicola, accanto alla coltivazione di frumento e foraggio, nel territorio sono altresì presenti numerose zone boschive.
Posto su una delle più amene colline meridionali dell'Oltrepò Pavese, Ruino è meta di turisti grazie alla bellezza del paesaggio, all'aria salubre ed all'ottima cucina.

 Le tre torri dello stemma comunale ricordano i tre castelli,Torre degli Alberi,Montù Burchielli,e Ruino. 

Comune di Ruino Oltrepò Pavese

 

Comune di Ruino
Via Municipio 1
27040 Ruino PV

 

Popolazione Residente 755 (M 369, F 386)
Densità per Kmq: 35,5
Superficie: 21,28 Kmq
CAP 27040
Prefisso Telefonico 0385
Codice Istat 018132
Codice Catastale H637
Denominazione Abitanti ruinesi
Santo Patrono Sant'Antonio Abate
Festa Patronale 17 gennaio
Il Comune di Ruino fa parte di: Comunità Montana Oltrepò Pavese
Etimologia :Ha origine incerta. Alcune teorie propenderebbero per la derivazione dal nome di pianta rovo, ma non esiste alcuna documentazioni in merito.
La superficie di di 21,3 chilometri quadrati tra 247 a 643 metri circa, sopra il livello del mare.
Località e Frazioni di Ruino:Pometo, Carmine, Torre degli Alberi, Canavera, Casa Vannone
Comuni Confinanti: Borgoratto Mormorolo, Caminata (PC), Canevino, Fortunago, Montalto Pavese, Nibbiano (PC), Rocca de' Giorgi, Val di Nizza, Valverde, Zavattarello

 

Le risorse economiche del territorio sono alcune attivita industriali,attivita agricole e turistiche
Ruino è un piccolo comune dell'Oltrepò Pavese, di circa 800 abitanti situato nell' alta collina dell' oltrepo' Pavese sul lato sinistro della valle del Tidone, nel nodo idrografico da cui si dipartono le principali dorsali collinari dell'Oltrepò e della Valle Versa.
La sede comunale è posta nella frazione Pometo, essendo il comune costituito da numerose case sparse e piccole frazioni.
Ruino sovrasta il lago di Trebecco ,bacino artificiale dell' attigua Val Tidone. Nella frazione di Torre degli Alberi è situato lo spartiacque da cui si dipartono ben cinque bacini idrografici: Ardivestra, Ghiaia di Montalto, Scuropasso, Versa e Tidone.